Buongiorno a tutti amici di La partita sfigata.

Oggi siamo allo stadio Luigi Ferraris per seguire un delicatissimo scontro salvezza tra Genoa e Cagliari. Per i genoani vincere contro il Cagliari significherebbe guadagnare tre punti fondamentali per evitare la retrocessione e dare morale ad una squadra che appare spenta. I cagliaritani, invece,  hanno una situazione di classifica molto più tranquilla e sono consapevoli che per la matematica salvezza basta un pareggio.

Tutta un’altra musica per quanto riguarda la Lega sfigata, poiché, dopo i passi falsi di Sassuolo e Parma, il Cagliari con una vittoria si aggiudicherebbe il primo storico titolo di questa competizione! Il Genoa, invece, con una vittoria potrebbe guadagnare la terza posizione e piazzarsi sul podio!

Formazioni iniziali


Cesare Prandelli schiera il classico 3-5-2 e sceglie l’esperienza di Pandev e il piglio da centravanti di Lapadula lasciando in panchina Koaumé. Dietro di loro spazio alla fantasia di Bessa, preferito a Rolon.

Il Cagliari di Maran si mette a specchio e schiera un’inedita difesa a 3 con Cacciatore e Klavan ai lati di Pisacane. Coppia d’attacco pesante con Cerri preferito a Joao Pedro per far coppia con Pavoletti.

GENOA: Radu; Zukanovic, Gunter, Biraschi; Criscito, Veloso, Radovanovic, Bessa, Pereira; Lapadula, Pandev.

CAGLIARI: Cragno; Klavan, Pisacane, Cacciatore; Pellegrini, Ionita, Bradaric, Barella, Srna; Cerri, Pavoletti.

ARBITRO: Valeri di Roma.

Cronaca della partita


Primo tempo:

  • 23’ Occasione Genoa: Tiro sbilenco di Radovanovic che però trova una deviazione fortunosa che diventa un assist per Lapadula. L’attaccante genoano ha il tempo di stoppare e girarsi, ma il grande intervento di Cacciatore vanifica tutto.
  • 25’ Occasione Genoa: Con una grande giocata Pandev mette Bessa a tu per tu con il portiere, ma Cacciatore interviene in extremis rischiando, però, di farsi autorete. Ma Cragno è presente e devia in corner.
  • 28’ Occasione Genoa: Lapadula riceve un lancio lungo dalla difesa e fa una sponda perfetta per Pandev. L’attaccante macedone è bravo a stoppare e liberarsi per il tiro, che però è debole e consente a Cragno di intervenire.
  • 36’ Occasione Cagliari: Lancio perfetto di Srna che trova Pavoletti solo in area, ma Radu è bravissimo ad anticiparlo con un tuffo e ad evitare la rete.
  • 40’ PAVOLETTI, GOL CAGLIARI! Super gol di Pavoletti che riceve l’ennesimo lancio lungo di Bradaric, fa fuori Gunter con uno stop di petto e fulmina Radu con un potente tiro al volo. Gol dell’ex per l’attaccante del Cagliari che non esulta, ma fa godere i suoi tifosi!

Genoa con poche idee, ma con grinta. Si rende pericoloso in più di un’occasione, ma a fine primo tempo il Cagliari si sveglia e trova il vantaggio con il solito Pavoletti.

Secondo tempo:

  • 62’ Occasione Genoa: Corner di Veloso verso il secondo palo dove Zukanovic colpisce e fa sponda per Kouame che ha il tempo di stoppare e tirare da pochi metri, ma viene respinto da un suo compagno di squadra! Genoa sfortunato!
  • 84’ Occasione Cagliari: Birsa da calcio di punizione fa partire un cross tagliato, Romagna sovrasta tutti e indirizza la palla sul secondo palo. Sembra fatta, ma Radu gli nega il gol con un intervento MI-RA-CO-LO-SO!
  • 88’ VAR, CALCIO DI RIGORE PER IL GENOA! Dopo un check con i propri collaboratori, Valeri assegna un rigore al Genoa per fallo di mano di Bradaric. La deviazione del croato è involontaria, ma il braccio è largo.
  • 89’ CRISCITO, GOL GENOA! Criscito posiziona sul dischetto un pallone che pesa una tonnellata, ma non batte ciglio e trasforma il calcio di rigore spiazzando Cragno. Che freddezza!
  • 93’ ESPULSO PEZZELLA, GENOA IN DIECI! Dura pochissimo la partita di Pezzella. Il difensore, entrato da pochi minuti, interviene in netto ritardo con una scivolata a forbice su Barella. Rosso diretto per lui.

Il Genoa trova un pareggio che muove poco la classifica, ma che vale molto per come si era messa la partita. Il Cagliari, dopo il vantaggio trovato nel primo tempo, si limita a difendere il risultato, consapevole di avere due risultati a disposizione per conquistare la salvezza matematica.

Analisi della partita

 

In fin dei conti, quello che si è visto allo stadio Luigi Ferraris, è un pareggio giusto. La partita è sempre stata molto equilibrata, la tensione per la posta in palio era facilmente percepibile e per questo, forse, nessuna delle due squadre voleva rischiare di perdere. Il Genoa, però, è la squadra che ci ha provato di più. Ai rossoblù si può contestare un gioco sterile privo di idee, ma non l’atteggiamento. I giocatori genoani hanno provato a vincere la partita fino all’ultimo, senza risparmiarsi mai.

Il Cagliari, invece, a parte un momento di sbandamento nei minuti finali dopo il pareggio del Genoa, fa un’ottima partita dal punto di vista difensivo. Dopo il vantaggio, gestisce la partita senza mai rischiare e solo un episodio sfortunato non gli consente di portare a casa i tre punti. Poco male, il pareggio vale comunque la matematica salvezza. Obiettivo raggiunto!

Pagelle Genoa

I migliori:

  • CRISCITO 6,5. In realtà, la sua prestazione sarebbe da 5,5, ma il coraggio con cui si prende la responsabilità di calciare il rigore e la freddezza con cui lo trasforma, valgono un punto in più. Capitano vero!
  • RADU 7. Se il Genoa riesce a portare a casa almeno un punto, lo deve soprattutto al suo portiere. La parata su Romagna, con cui evita il raddoppio del Cagliari, è surreale. PREDESTINATO.

I peggiori:

  • GUNTER 4,5. Il povero difensore tedesco, in verità, non fa una brutta partita. Ma, nell’unica occasione che concede a Pavoletti in tutto il match, fa un errore decisivo che condiziona la partita. Troppo grave.
  • PEZZELLA 3. Se l’unica cosa per cui ti fai notare da quando sei entrato è un fallaccio senza alcun criterio logico, direi che meriti un voto basso. Molto basso.

 

Pagelle Cagliari

I migliori:

  • PAVOLETTI 7,5. Gli arrivano pochi palloni, molti sporchi, ma lui li pulisce e li rende cioccolatini. Nel suo gol c’è tutto: potenza, classe e precisione. Ma soprattutto regala la salvezza al Cagliari. Pavoloso, come sempre!

  • CACCIATORE 7. Nel risultato positivo del Cagliari c’è nettamente il suo zampino. Maran non lo schiera nel suo ruolo preferito, ma difensore centrale. E lui risponde con una prestazione super! Gli interventi nel primo tempo su Lapadula e Bessa evitano guai e consentono il Cagliari di andare a riposo in vantaggio. Non ha segnato e perciò non abbiamo potuto ammirare la sua esultanza ignorante, ma va benissimo così.

Il peggiore:

  • CERRI 4,5. Il motivo per cui il Cagliari abbia speso per lui ben 9 milioni rimane un mistero.

 

Lega sfigata


Non ci poteva essere un finale più al cardiopalma e avvincente di questo per la nostra Lega sfigata. Con un pareggio subito in extremis su calcio di rigore, il Cagliari vede sparire a pochi minuti dal fischio finale la possibilità di diventare campione. A festeggiare il primo storico titolo di questa competizione sarà, quindi, il Sassuolo! Complimenti ai neroverdi!

CLASSIFICA FINALE

PuntiGVNPGFGSDR
SASSUOLO21145632519+6
SPAL21145631915+4
CAGLIARI20145541720-3
PARMA191454518180
GENOA18144641718-1
BOLOGNA17144551617-1
EMPOLI16144462528-3
FROSINONE15143651816+2

Con questa partita si conclude la nostra Lega sfigata. Grazie mille per averci seguito durante questa splendida stagione, continuate a farlo perché ci saranno molte novità!

A presto!

 

Mariano Vitale