Nella 29° giornata del campionato di serie A c’è una partita fondamentale per la lotta alla salvezza: Frosinone-Spal.

Per i ciociari questa rappresenta, con tutta probabilità, l’ultima chance per continuare a lottare per una salvezza che pare un’impresa: sono solo 17 i punti conquistati, con un distacco dal quartultimo posto di ben otto lunghezze. Serve una vittoria per continuare a sperare.                                                                                                          D’altra parte la formazione spallina arriva leggermente più serena a questa sfida, forte dell’ultima vittoria ottenuta in campionato contro la nuova Roma targata Ranieri. La Spal, però, ha solo due punti in più sulla zona retrocessione e quindi ha bisogno di smuovere le acque e dare continuità ai suoi risultati per poter disputare un finale di stagione più tranquillo.

 

I precedenti tra Frosinone e Spal

Sono solo tre i precedenti tra queste squadre in cui il Frosinone ha fatto bottino pieno: vittoria per 2-1 e per 0-2 in serie B nella stagione 2016-2017, vittoria nella gara d’andata nell’unico precedente in serie A per 0-3: questa fu la prima vittoria in campionato ottenuta dagli uomini dell’allora allenatore Moreno Longo. In quell’occasione andarono a segno Chibsah, Ciano e Pinamonti. Dati molto interessanti e di buon auspicio per la formazione di casa, mentre la Spal deve fare di tutto per invertire questa tendenza e prendersi punti pesantissimi.

 

Come arrivano al match Frosinone e Spal

Il Frosinone ha ottenuto un solo punto nelle ultime 5 partite: contro il Genoa in un noioso 0-0 (eravamo allo stadio ad annoiarci con tutti i tifosi), e poi ben quattro sconfitte contro Juventus, Roma, Torino ed Empoli. Quest’ultima è stata sicuramente la sconfitta più pesante, vista l’importanza, in quanto ha spedito il Frosinone otto punti dalla zona salvezza.

 

La Spal arriva all’incontro leggermente meglio, con 4 punti conquistati nelle ultime cinque gare: un pareggio contro il Sassuolo, una vittoria contro la Roma, tre sconfitte contro Fiorentina, Sampdoria e Inter. Nonostante ciò i ferraresi sono sulle ali dell’entusiasmo vista l’ultima grande prestazione in casa, contro la Roma, con le reti di Fares e Petagna.

Il Frosinone in casa

I ciociari hanno un rendimento casalingo disastroso e per questo preoccupante: nessuna vittoria, 5 pareggi e 8 sconfitte. Sono dati da incubo per chi deve salvarsi. Tra le mura amiche si dovrebbe dare il massimo, spinti dal pubblico… si dovrebbe!                                                                                                                                                   Questa, però, potrebbe essere la volta buona per la vittoria, visti tutti i precedenti positivi proprio contro la Spal e visto che è un evento molto raro che una squadra chiuda un campionato, retrocessa o meno, senza vincere almeno una volta davanti al proprio pubblico. Anche il dato dei gol fatti in casa preoccupa: solo 9, bisogna darsi una mossa e far gioire un po’ di più questi tifosi!

La Spal in trasferta

La formazione spallina, nella speciale classifica dei punti fuori casa è 15°, frutto di tre vittorie contro Roma, Bologna e Parma, due pareggi contro Genoa e Sassuolo, e nove sconfitte. Non vince fuori casa dal 27 gennaio scorso nel rocambolesco 2-3 di Parma, con le reti di Fares, Petagna e Valoti.

Per vincere servirà una prova di carattere, anche perché non credo che ai tifosi farebbe piacere essere i primi a perdere a Frosinone.

 

I precedenti con l’arbitro

L’arbitro dell’incontro sarà Marco Di Bello.

Di Bello ha diretto tre partite del Frosinone: due sconfitte, contro Roma e Lazio, e una vittoria contro l’Empoli. L’ultima volta è stata proprio contro la Roma, nella pesante sconfitta 4-0 allo stadio Olimpico.

In questo campionato è la prima volta che la Spal viene diretta da Di Bello. Uno solo il precedente, il 20 maggio del 2018, in un Spal-Sampdoria finito 3-1 a favore dei ferraresi.

 

Chi sono i più attesi?

Sicuramente in casa spallina ci si attende una continuità di rendimento da parte di bomber Petagna, già in doppia cifra quest’anno. È riuscito a smentire tutti, soprattutto i fantallenatori italiani che gli avevano conferito l’etichetta di “attaccante da pochi gol”. Il bomber è in forma e potrebbe trascinare la formazione ferrarese alla vittoria.

Ci si aspetta che anche Kurtic possa sfoggiare una bella prova di forza: spinge, difende, morde le caviglie agli avversari e segna. Potremmo definirlo un tuttocampista, uno di quei giocatori di cui è difficile privarsi.

Per il Frosinone, sicuramente capitan Ciofani: ha la grande opportunità di far risollevare il Frosinone e dare ulteriore speranza in una stagione tutt’altro che fortunata. Non segna dal 10 febbraio scorso, nell’ultima vittoria ottenuta in campionato sul campo della Sampdoria.

 

Probabili formazioni

Frosinone: Sportiello; Brighenti, Ariaudo/Salamon, Capuano, Paganini; Chibsah, Viviani/Maiello, Cassata/Valzania, Beghetto/Molinaro; Ciofani, Ciano.

Spal: Viviano; Cionek, Vicari/Felipe, Bonifazi; Lazzari, Murgia/Schiattarella, Missiroli, Kurtic, Fares; Petagna, Antenucci/Floccari.

 

Lega sfigata

Nella Lega sfigata il Frosinone, che occupa il penultimo posto in classifica a quota 11 punti, ha l’opportunità ghiotta di poter raggiungere proprio gli avversari della Spal a 14 punti. In caso di sconfitta i ciociari rischierebbero di rimanere ancora molto vicini all’ultimo posto occupato dal Bologna.

Per la Spal è l’occasione per poter accorciare sulle prime della classe. In caso di vittoria andrebbe a soli 2 punti dalla capolista Sassuolo. Un’occasione più unica che rara per poter diventare i primi campioni della Lega sfigata.

 

Appuntamento dunque a domenica 31 marzo ore 15:00 e, come sempre, che vinca il migliore!

Buona partita sfigata a tutti!

 

Giuliano Ortu