Il Cagliari vince 1-0 e inguaia il Frosinone

Breadcrumb Navigation

Buongiorno amici,

oggi alla “Sardegna Arena” partita importantissima in chiave salvezza.

Al Cagliari servono i 3 punti per raggiungere quota 40 punti e quindi salvezza quasi matematica, al Frosinone, invece, per continuare a sperare in una salvezza che sa di miracolo.

Nella Lega La partita sfigata siamo quasi alla fine, solo il Cagliari in caso di vittoria potrebbe sperare ancora nella vittoria del titolo.

 

Cronaca della partita

Primo Tempo:

  • 7’ Frosinone pericoloso! Cross di Beghetto, Ciano allunga la traiettoria di testa per Paganini che colpisce d’esterno e grazia Cragno spedendo il pallone alto.
  • 24’ Grande imbeccata verticale per Ciofani che sorprende Klavan che si lascia superare dal pallone. Il numero 9 del Frosinone da solo davanti a Cragno spara anche lui alto.
  • 26’ RIGORE PER IL CAGLIARI! Zampano in area di rigore calcia Ionita e per Abisso, come per tutto il mondo, non ci sono dubbi: calcio di rigore!
  • 27’ JOAO PEDRO, GOL DEL CAGLIARI! Dal dischetto il brasiliano spiazza Sportiello e porta avanti in vantaggio la squadra sarda.

Finisce un primo tempo povero di emozioni. Il Cagliari ha fatto il minimo sindacale per essere in vantaggio. Il Frosinone, invece, ancora una volta non riesca a capitalizzare le occasioni che capitano ai propri attaccanti.

Secondo Tempo:

  • 64’ Cagliari vicino al raddoppio! Cigarini allarga per Srna sulla fascia destra, spiovente al centro dove Ionita tutto solo mette alto.
  • 72’ Esce malissimo il Frosinone, Ionita, sì ancora lui, anticipa tutti e lascia partire un bellissimo traversone perfetto per la testa di Pavoletti che schiaccia verso la porta avversaria, ma Sportiello di ginocchio è super, e tiene ancora a galla i ciociari.
  • 79’ ESPULSO FARAGÒ, CAGLIARI IN DIECI! Duro contrasto a centrocampo tra Faragò e Beghetto, l’arbitro estrae il secondo giallo per il calciatore sardo e il Cagliari resta in dieci nei minuti finali.

Non finisce più nulla fino alla fine della partita.

Novanta minuti non esaltanti, ma alla fine il Cagliari ha ottenuto 3 punti vitali che avvicinano i sardi alla salvezza. Invece i ciociari sono sempre più vicini al baratro della retrocessione.

Pagelle Cagliari

(di Giuliano Ortu)

Cragno: voto 6. Il nostro Palloncino d’Oro risulta inoperoso per tutto il match, visto che i ciociari non sono precisi quando arrivano dalle sue parti. Amministra con sicurezza la sua difesa e rischia poco. Dimostra di essere forte anche con i piedi, visto i lanci precisi nonostante il forte vento. Probabilmente se ci fosse stato un birillo in porta sarebbe cambiato poco. Spettatore non pagante.

Srna: voto 6. Le due occasioni del primo tempo del Frosinone arrivano dalle sue parti: spinge ma si dimentica che è difensore e quindi lascia spazio. Dopodiché cresce come tutto il Cagliari e lascia solo le briciole agli avversari. Nel finale fa valere la sua esperienza e guadagna delle punizioni fondamentali per la sua squadra. Highlander.

Ceppitelli: voto 6. Solo la sufficienza perché ormai il capitano del Cagliari ci ha abituato troppo bene: gestisce, stacca di testa, anticipa e non sbaglia mai. Ormai il ragazzo è maturo ed è una pedina fondamentale nello scacchiere di Maran. Bodyguard.

Klavan: voto 6,5. Mezzo punto in più perché dà continuità alla prova di Torino e gioca con una sicurezza e tranquillità invidiabili. Finalmente il mister ora lo potrà utilizzare più spesso… ah no, purtroppo si è rifatto male. Gli auguriamo una pronta guarigione. Dr. House.                                                                                                                    Dal 62’ Romagna: voto 6,5. Entra in campo in un momento delicatissimo e si fa trovare pronto a respingere anche le mosche che arrivano dalla sua parte. Semplicemente al posto giusto al momento giusto. Keep calm and relax.

Lykogiannis: voto 6. Il greco è impreciso in fase di attacco ma in fase difensiva non lascia spazio ai suoi diretti rivali. Possiamo dire che è il contrario di Srna, ma deve ancora far ricredere il mondo calcistico rossoblù. Don’t worry

Faragò: voto 6. Non gli diamo di più solo per l’espulsione, anche se ormai il Cagliari non sa stare senza finire una partita in 11. Dà buona spinta e copre bene, da lui forse ci si aspetta qualche giocata in più, però porta la pagnotta a casa. Ingenuo.

Cigarini: voto 6. Semplicemente si limita al compitino rischiando ben poche volte. Di fatto amministra bene e continua nel suo buon momento di forme. Professore.

Ionita: voto 7. Il migliore in campo e, ormai, non è più una novità. Sforna prestazioni da incorniciare, senza dubbio è questo il suo miglior anno da quando è in serie A. L’unica pecca è che non riesce a segnare di testa un gol già fatto, ma si può soprassedere a ciò, visto quanto è diventato importante per il Cagliari. Si vocifera che dopo la partita sia tornato a casa sempre correndo. Maratoneta.

Birsa: voto 5. Doveva sfruttare meglio questa chance. Poche giocate incisive, lento e macchinoso, non il Birsa che siamo abituati a vedere. L’unica nota stonata di oggi per i rossoblù. Spaesato. Dal 73’ Padoin: voto 6. Al talismano non si può dire nulla, professionista completo, si mette a disposizione della causa difendendo il prezioso gol di vantaggio e non sbaglia niente. Fa il suo.

Pavoletti: voto 6-. L’insufficienza non la merita, perché fa sempre il lavoro sporco e aiuta la squadra nei momenti di difficoltà, però pesa l’errore sotto porta con la sua specialità: il colpo di testa parato da Sportiello era un match point troppo importante che uno del suo calibro non può sbagliare. I fantallenatori rimangono delusi. Pistola a salve.

Joao Pedro: voto 7. Il migliore insieme a Ionita, segna il gol vittoria, gioca disinvolto e senza paura. Dà anche una mano in fase difensiva e ciò gli fa alzare il voto. Tuttocampista. Dall’84’ Deiola: sv. Purtroppo non tocca molti palloni ma dà una mano in difesa nel finale. Troppo poco per poter dare una valutazione. Jocopoco ma joco.

Maran: voto 7. Trasmette bene la sua mentalità e riesce a conquistare 3 punti d’oro per la salvezza. Adesso la sua squadra potrà giocare con più tranquillità e divertirsi. Grande stratega legge tutti i momenti della gara e non perde mai la testa. Condottiero.

 

Pagelle Frosinone

(di Giuliano Ortu)

Sportiello: voto 6,5. Uno dei pochi a salvarsi dei ciociari, perché tiene in vita la sua squadra con qualche parata degna di nota. Sul rigore non può nulla. Pesce fuor d’acqua.

Goldaniga: voto 6. L’unica sufficienza del reparto arretrato insieme a Ariaudo. Sbaglia poco ed è ordinato, ma non basta. I try but I can’t.

Ariaudo: voto 6. Stessi pareri fatti per Goldaniga, ma lui è leggermente più esperto e si vede. I try too.

Capuano: voto 5,5. Per lui è una partita difficile, soffre tanto la fisicità di Pavoletti e non è mai sicuro nelle giocate. Forse si è dimenticato che non gioca più nel Cagliari e cerca di favorirlo. Do you remember?

Zampano: voto 4,5. Il peggiore, non incide mai, insicuro, si lascia sovrastare ed è decisivo solo per il Cagliari causando un rigore in maniera goffa. Serve ben altro per la salvezza. Guastafeste. Dal 62’ Pinamonti: voto 5,5: entra per dare una scossa, ma la dà nel modo sbagliato perché si fa sentire solo nel finale con qualche reazione un po’ rabbiosa. Ha ancora altre occasioni per farsi notare. Don’t give up.

Paganini: voto 5,5. Punito perché all’inizio della partita sbaglia una clamorosa occasione che avrebbe potuto indirizzare la partita su altri binari. Errore che costa caro. I’m sorry.

Maiello: voto 5. Rincorre la palla intorno ai giocolieri del Cagliari e quando la prende non riesce ad essere preciso e a giostrare bene le giocate. Poteva fare sicuramente di più, ma purtroppo gli è venuto mal di testa. Moment.

Valzania: voto 5,5. Un po’ meglio di Maiello, ma si adegua alla giornata storta della sua squadra. Pecorella smarrita. Dall’80 Trotta: voto 5. Non si trova in campo. Entra per lasciare il segno, ma di fatto è come se non fosse mai sceso in campo. Freno a mano.

Beghetto: voto 6. È il migliore del Frosinone perché è l’unico che ci prova veramente: bei palloni al centro soprattutto al primo tempo e in fase difensiva non molla mai. Purtroppo è un po’ isolato vista la giornata nera dei compagni e non può fare più tanto. Daje un po’ regà.

Ciano: voto 4,5. Ha giocato? Desaparecido.

Ciofani: voto 5,5. Dal capitano ci si aspetta di più. In ogni caso lotta e cerca di vincere i duelli con i difensori del Cagliari, ma sbaglia un’occasione grossolana a tu per tu con Cragno. Approssimativo. Dal 76’ Dionisi: sv. Non riesce a toccare un pallone e non è mai pericoloso. Scialla.

Baroni: voto 4,5. Siamo severi anche e soprattutto con lui perché per il Frosinone era una finale. Se la vuoi vincere non puoi solo chiuderti dietro e sperare che gli altri non segnino. Poco cattivo e poco determinato, poteva dare un’impronta diversa alla sua squadra. Conservatore

 

Lega La partita sfigata

Con questa vittoria il Cagliari passa al secondo posto insieme al Parma e a un solo punto dal duo di testa Sassuolo-Spal. Il Frosinone resta penultimo.

 

CLASSIFICA 33° GIORNATA

Punti G V N P GF GS DR
SASSUOLO 20 13 5 5 3 23 27 +6
SPAL 20 13 5 5 3 18 14 +4
PARMA 19 13 5 4 4 17 14 +3
CAGLIARI 19 13 5 4 4 16 19 -3
EMPOLI 16 13 4 4 5 24 25 -1
GENOA 16 12 4 4 4 15 16 -1
FROSINONE 14 13 3 5 5 16 14 +2
BOLOGNA 11 12 2 5 5 9 15 -6

 

 

Per questa giornata di campionato pasquale è tutto, appuntamento alla settimana prossima con Bologna-Empoli e Spal-Genoa.

 

Buon campionato a tutti

 

Antonio Pastore & Giuliano Ortu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
>